Merry Christmas con Csaba terza puntata

puntata-3
Immagini tratte da “Merry Christmas con Csaba” su Real Time

Terza puntata di “Merry Christmas con Csaba”.

Nella puntata precedente per merenda si è mangiato tutto verde ( biscotti, canapè e macaron), per la vigilia di Natale ahimè ci dobbiamo sorbire un menu tutto pesce.

Cominciamo con l’antipasto: polpo con melagrana!
Ora non so se io sono strana, ma a casa mia nè mia madre nè io abbiamo mai visto l’ombra di un polpo, anzi, devo dire che la sola vista di questo orribile mollusco mi provoca il voltastomaco.
Invece a Csaba piace moltissimo,  oppure è una delle poche cose che prepara abitualmente, di certo è un’altro dei suoi cavalli di battaglia.

E dopo esserci deliziati con questo antipastino, prepariamoci a mangiare dei ravioli al merluzzo.

Anche qui un pesce che non tutti gradiscono, lei dice che li prepara anche col branzino, ma sia mai che io frullo un branzino, con quello che costa, per farne una poltiglia per riempire dei ravioli? Jamais!

Poi prepara la salsa ai porri per condirli che però da quel poco che si vede nel filmato, più che salsa è un trito grossolano di porri a rondelle.

E veniamo al secondo, uno splendido trancio di salmone all’arancia tanto apprezzato dalla suocera di Csaba, perciò lo preparerò anch’io.

Infine,  ci consiglia come apparecchiare la tavola, con quello stile “formale informale” che ben conosciamo ma che solo lei sa cosa sia.

Annunci

6 pensieri su “Merry Christmas con Csaba terza puntata

  1. Anch’io trovo che proporre alla vigila un menu tutto a base di pesce sia esagerato, va bene il secondo ma il per il primo starei su dei ravioli vegetariani. A meno che i tuoi ospiti non siano tutti pazzi per il pesce.

    Mi piace

  2. Io faccio un’altra considerazione: se si vuole proporre un menù per la vigilia a base di pesce, sia per incontrare i gusti degli invitati o perchè vogliamo essere originali,bisogna anche costruirlo in maniera adeguata. Allora: se la Parodi fa un piatto in pochi minuti , con esigui ingredienti e senza che al piatto venga applicata la cura e il sapere di un grande chef, subito tutti pronti a dire che non è una vera cuoca e che le sue proposte sono misere e non all’altezza di una ricorrenza speciale. Se Csaba mi prepara polpo bollito ,condito con qualche fetta di cipolla rossa, zucchero, aceto e un po’ di melagrana sparsa nel piatto, più che altro per effetto scenico,lo dovrei prendere come un antipasto speciale e di sicuro effetto? Un effetto sicuramente lo ottengo: che al prossimo Natale avrò meno invitati rispetto all’anno precedente. A parte il polpo, sui ravioli ripieni di merluzzo e ricotta posso solo dire che il merluzzo mi sembra avere un gusto troppo forte e deciso per un primo, se poi gli aggiungo la salsa con i porri…ah va bè, allora non voglio proprio farmi mancare niente. Il salmone con l’arancia mi sembra a ‘sto punto la proposta più decente fra tutte, ( e infatti la suocera, mica scema, le ha detto che le è piaciuto molto, non sia mai che si dimenticasse di prepararlo e le toccasse per secondo qualcosa al pari dell’antipasto e del primo…) però potrebbe essere un tantino troppo originale e rischiare di restare sul tavolo integro. Ma ovviamente parliamo di Csaba, secondo cui la differenza in una tavola la fa l’apparecchiatura…strano, io ho sempre pensato che fossero le pietanze a rendere memorabile un invito a pranzo o a cena.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...