Raccomandata, si possono spedire oggetti si o no?

raccomandata

Mi capita ogni tanto di dover spedire piccoli oggetti di scarso valore venduti su Ebay in Italia e all’estero, quale miglior soluzione della raccomandata?

Costa poco, in base al peso, è tracciabile on line e non devi dichiarare il contenuto sul modulo di spedizione.

Certo, da tempi immemori la si usa per l’invio di documenti ma chi vende on line sa bene che è il mezzo più sicuro ed economico per spedire.

A qualcuno deve aver dato fastidio questa cosa, tant’è che in un paio di uffici postali da me frequentati abitualmente si sono messi a tastare la busta imbottita gialla con spedizione in Italia (notare che conteneva un foulard, per cui era piatta) con aria da inquisitori chiedendomi “Ma dentro ci sono documenti?” e io “Certo”.
“Ma è sicura che sono documenti, perchè non sembrerebbe tastando”.
“Certo”.
“Ma non sembra carta il contenuto, è sicura che siano documenti?”

Piuttosto seccata faccio presente che nessuno mi ha mai chiesto il contenuto di una raccomandata prima d’ora al che mi rispondono che hanno ricevuto una circolare che invita gli addetti a non accettare merce spedita tramite questo metodo di spedizione, e che solo per questa volta si sarebbero presi la responsabilità di accettare questa benedetta busta.

Oddio, e prendetevi questa responsabilità e andate affanculo, tanto è pieno di poste sul territorio, mica ho bisogno di venire da voi brutti rompicazzo che non siete altro.

Ah, faccio notare che questa mattina ho spedito in un altro ufficio postale la stessa tipologia di busta e nessuno mi ha chiesto nulla.

Ora io mi chiedo, ma ci vuole tanto a fare un po’ di chiarezza?
Se questo divieto esiste ci vuole tanto a mettere un avviso sul sito delle Poste o negli uffici postali?
Perchè per la raccomandata 1 è scritto a chiare lettere che si possono spedire solo documenti e per la raccomandata non è specificato nulla?

O dobbiamo sorbirci le lune storte di questi impiegati che ricevono queste misteriose circolari e si mettono a tastare le buste (peraltro entro le dimensioni consentite) e a rompere le balle agli ignari cittadini?

Comunque la spiegazione di tutto ciò è sicuramente una, spingerti ad usare il pacco celere 3, che costa 9,90 euro fino a tre kg o meglio ancora il pacco celere 1, che costa 11, 90 euro fino a tre kg.

Motorizzazione di Milano, un bell’esempio di inefficienza all’italiana.

Devi fare una pratica alla motorizzazione di Milano in via Cilea e hai bisogno di chiedere informazioni?
Sappi che il loro recapito telefonico 02.35379355 suona perennemente a vuoto.
A qualsiasi ora.
Impossibile contattarli.

Ma veniamo al dunque.
Come ogni anno devo rinnovare l’autorizzazione di una targa prova.
So, per esperienze passate, che lo sportello pratiche delle targhe prova non è aperto tutti i giorni ma non mi ricordo quali.
Partendo da Varese, che non è proprio dietro l’angolo, non vorrei fare un viaggio a vuoto.

Per due giorni consecutivi provo con altri due o tre numeri telefonici di altri uffici ma nisba, tutti morti.
Allora vado sul sito alla pagina orari ma non vi è traccia di quello che cerco.
Mandare un’email non mi sfiora nemmeno la frazione di nanosecondo, se non rispondono al telefono vuoi che rispondano a un’email?

Allora prendo la macchina e andiamo all’avventura, al massimo se è chiuso rifaremo un’altro viaggio, maledettissimi.

Arriviamo a destinazione dopo una coda infinita in autostrada, e sfiga delle sfighe il giovedi è uno di quei giorni maledettissimi di chiusura sportello targhe prova.

Vado allo sportello informazioni e una gentile signora mi informa che le targhe prova le fanno solo il lunedi, mercoledi e venerdi.
Ecco la notizia che volevo, grazie!
Mi è costata solo un’ora e passa di autostrada + benzina + pedaggi, crede che me ne vado così senza aver combinato un tubo?
La gentile signora capisce la mia situazione e mi invita ad andare a protestare all’URP, ufficio relazioni col pubblico, al primo piano.
Peccato che tale ufficio, siamo intorno alle 11 di mattina, sia chiuso.

Allora mi mandano al piano sopra, alla segreteria del direttore, dove spiego velocemente il mio disagio alle impiegate presenti le quali ammettono che in effetti nessuno risponde mai al telefono, purtroppo è un problema noto, colui che dovrebbe essere all’URP è sempre in giro a far revisioni, insomma c’è carenza di personale…nessuno che abbia il tempo di alzare una cornetta, mettere almeno un risponditore automatico è troppo?
Mettere due righe sul sito gli costa tanto a questi signori?

Morale della favola, dopo un’ora abbondante di attesa sono riuscita ad avere la mia pratica fatta.
E mi sono appesa un bel foglio in camera mia con i giorni di apertura per l’anno prossimo, sperando che non li cambino.
Viva l’Italia.